La Scuola di Pallavolo è lieta di annunciare la partnership con Liceo Sportivo Tassoni e Istituto Dante Alighieri nell’ambito per progetto Alternanza Scuola-Lavoro. Per il secondo torneo consecutivo, infatti, due gruppi di studenti – 33 in tutto – provenienti dalle due scuole superiori modenesi affiancheranno lo staff della Scuola di Pallavolo fuori e dentro il campo di gara, per la gestione e l’organizzazione dell’Anderlini Spring Cup e del Trofeo Internazionale P. Bussinello.

Già da oggi, lunedì 26 marzo, ben quattordici tra studenti e studentesse del Dante Alighieri prenderanno parte alle attività di gestione del torneo dietro le quinte, dalla predisposizione di tutti materiali necessari allo svolgimento delle gare, all’affiancamento nell’accoglienza delle squadre partecipanti. In questi giorni, tutti i ragazzi saranno alle prese con il corso segnapunti, con l’obiettivo di apprendere tutto il possibile di questo ruolo di affiancamento all’arbitro. Saranno loro infatti ad essere direttamente sul campo in qualità di addetti ai referti.

“Siamo molto orgogliosi di riuscire a portare avanti questo progetto, che già da qualche anno ci dà molta soddisfazione. E’ il secondo esperimento di inserimento di questi ragazzi su un grande torneo, dopo la Moma Winter Cup 2017. Crediamo che sia molto importante far avvicinare i giovani al mondo dello sport, dando loro l’occasione di vederlo non solo come luogo in cui passare il tempo libero, ma come luogo in cui poter costruire una carriera anche professionale”, dice Marco Neviani, Presidente della Scuola di Pallavolo Anderlini.

Dal 2015, oltre una ventina di studenti si sono avvicinati al mondo Scuola di Pallavolo in qualità di apprendisti. Fra questi, alcuni atleti o ex atleti sono entrati in contatto con i ruoli cruciali di questo mondo, come quello dell’allenatore, diventando così parte integrante di gruppi squadra giovani. Ecco le scuole con le quali fino ad oggi ha collaborato la Scuola di Pallavolo: Istituto Tecnico Economico Barozzi, IIS Selmi, IPSIA Corni e Liceo Wiligelmo.